Treviso e Valdobbiadene

Un piccolo gioiello da scoprire e assaporare senza fretta, capace di regalare il piacere di una passeggiata nell’ammirazione di scorci caratteristici che sembrano usciti da delle cartoline.

Treviso: un regalo per l’anima e i sensi

Treviso, città d’acqua e d’arte, ti invita come il richiamo delle sirene a prenderti una pausa e a ritrovare il piacere di passeggiare senza fretta lungo i corsi fluviali che lambiscono il suo centro storico. L’antica “Marca gioiosa et amorosa” offre al suo visitatore un gioco di fluidi specchi che con la complicità delle case porticate che si riflettono sulle loro acque formano degli scorci caratteristici che sembrano usciti da delle cartoline.

Il Canale dei Buranelli

Luogo preferito per chi desidera fare una sosta per godere del paesaggio, il Canale dei Buranelli regala una vista suggestiva e pittoresca. È così chiamato perché al tempo dei legami con la Serenissima era frequentato dai commercianti veneziani dell’isola di Burano. Ma era anche il luogo dove si riunivano le lavandaie e sugli edifici che si affacciano sul canale si possono ancora vedere gli antichi lampori sospesi da catene su cui venivano lavati i panni.

La Loggia dei Cavalieri

Situata nel cuore della città, è ritenuta unica nel suo genere. Si tratta di una sorta di piazza coperta del XIII secolo, dove la nobiltà trevigiana e i cavalieri si incontravano per i loro convegni, conversare o giocare. Dall’esterno appare piccola e silente, ma una volta dentro i resti dei suoi affreschi di catapultano nel passato in modo così vivido che ti sembra di sentire il rumore degli zoccoli dei cavalli di passaggio e il vociare delle persone che si riunivano al suo interno.

La Fontana delle Tette

Nel Medioevo Treviso era così associata alla cortesia cavalleresca e al vivere gaudente da guadagnarsi il titolo di “Marca gioiosa et amorosa”. Il simbolo di tale notorietà è senza dubbio la peculiare Fontana delle Tette, che un tempo elargiva dai suoi seni vino bianco e rosso quando il podestà veneziano visitava città. Anche la sua posizione sembra richiamare il gioco amoroso dell’amor cortese perché, anche se si trova in pieno centro, si nasconde pudicamente in un luogo non semplice da trovare.

Treviso e la Strada del Prosecco

La Strada del Prosecco è un itinerario che si snoda per circa 35 km da Conegliano a Valdobbiadene in uno splendido teatro naturale tra vigneti, abbazie e castelli. Rappresenta un percorso bucolico e piacevole per chi desidera trascorrere una giornata fuori porta immerso nella natura e al tempo stesso godere dei piaceri della tavola. L’itinerario infatti è costellato da cantine e agriturismi dove si può degustare il celebre vino accompagnato dai prodotti della gastronomia trevigiana.


Il B&B Venice Casanova dista circa 35 Km dalla città di Treviso e 58 Km da Conegliano, da dove inizia la Strada del Prosecco che porta fino a Valdobbiadene.

Informazioni per andare a Treviso dal Venice Casanova

La via più veloce (40 minuti circa, secondo il traffico) è tramite l’autostrada A27.

Informazioni per andare a Conegliano dal Venice Casanova

La via più veloce (48 minuti circa, secondo il traffico) è tramite l’autostrada A27.